Informazioni e Appuntamenti

Autofinanziamento del collettivo: attivo di 229,47 €

LUNEDì 27 APRILE ore 11.00 Aula Magna della Facoltà di Lettere : Conferenza stampa promossa da LettereInMovimento con l'Ordine dei Medici ed i Professori della Facoltà di Lettere




mercoledì 1 aprile 2009

comunicato stampa di solidarietà alla donna ivoriana denunciata a Napoli

Modena, 1 aprile 2009


LettereInMovimento, Collettivo universitario della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Modena e Reggio Emilia, esprime tutto il suo sdegno e la sua disapprovazione per il grave episodio razzista, che ha colpito la donna ivoriana recatasi a partorire all’Ospedale Fatebenefratelli di Napoli e denunciata dal presidio sanitario perché sospettata di essere clandestina.
Ricordando che il decreto legge che introduce il reato di clandestinità non è ancora entrato in vigore, manifestiamo la nostra preoccupazione per il clima di intolleranza che si sta verificando all’interno di alcune strutture sanitarie pubbliche che dovrebbero essere un luogo di accoglienza e di cura.
Siamo indignati da questo episodio che è solo ed esclusivamente un episodio razzista maturato all’interno di un clima e di politiche tese alla discriminazione del migrante.
Nel caso in cui il decreto legge sulla sicurezza venisse approvato, il Collettivo si farebbe promotore di una lotta dura per l’abolizione del reato di clandestinità e del conseguente obbligo di denuncia da parte dei medici.
A tale proposito alleghiamo il “Manifesto contro il razzismo e la xenofobia” approvato dal Consiglio di Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Modena e Reggio Emilia teso alla riaffermazione dei diritti degli individui in quanto esseri umani.

LettereInMovimento

http://napoli.repubblica.it/dettaglio/clandestina-denunciata-dai-medici-dopo-il-parto-al-fatebenefratelli/1612026


Resto del post

Continua a leggere...

martedì 31 marzo 2009

Continua a leggere...

venerdì 27 marzo 2009

Manifestazione 4 aprile Roma

Il collettivo LettereInMovimento, parteciperà alla manifestazione indetta dalla CGIL per il 4 aprile 2009 a Roma. Condividiamo i motivi della protesta e ci uniamo alla richiesta di UN IMMEDIATO RITIRO DELLA LEGGE 133 che impone tagli insostenibili alla scuola all'università e alla ricerca.
L'ONDA NON SI ARRESTA IL SAPERE NON SI ACQUISTA!


Resto del post

Continua a leggere...

giovedì 19 marzo 2009

Brunetta: "Gli studenti dell'Onda vanno trattati come guerriglieri"

ROMA - Gli studenti dell'Onda sono dei "guerriglieri, e verranno trattati come guerriglieri". Usa parole forti per parlare del movimento della protesta studentesca il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta. All'indomani dello sciopero della scuola indetto dalla Cgil, con i cortei in tutti Italia che, in alcuni casi - come all'università La Sapienza di Roma - sono sfociati in momenti di tensione fra manifestanti e polizia, il ministro parla così durante una conferenza stampa a Palazzo Chigi alla quale ha partecipato anche il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini. Che ha annunciato, tra l'altro, un tetto del 30% nella presenza di immigrati nelle scuole.

A chi gli ha fatto notare che, nella scuola, la protesta e il malcontento non si arrestano, Brunetta ha replicato: "Non vedo molta protesta, vedo ogni tanto delle azioni di guerriglia da parte dell'associazione Onda. Ma vedo che nelle votazioni degli organi di rappresentanza degli studenti, l'Onda non esiste. Sono un democratico - ha aggiunto - e quindi credo molto più al voto che alle azioni azioni di guerriglia".

La replica da parte degli studenti non si è fatta attendere: "Quella di Brunetta è una dichiarazione degna dei peggiori regimi sudamericani, dove gli studenti sono equiparati a terroristi", afferma in una nota l'Unione degli Studenti. "Un ministro della Repubblica - prosegue il comunicato dell'UdS - non dovrebbe mai permettersi di definire dei giovani che esprimono il loro pensiero come dei 'guerriglieri' da trattare come tali".
Dopo Brunetta, stamane ha parlato la Gelmini. "Stiamo pensando - ha detto - all'introduzione di un tetto intorno al 30%" della presenza di alunni stranieri a scuola. Non credo che ciò sia possibile a partire dal prossimo anno ma dal successivo. Comunque sto chiedendo ai dirigenti uno sforzo per risolvere già dal prossimo anno i casi limite", ha detto Gelmini che ha citato il caso della scuola "Pisacane" di Roma.

Il ministro dell'Istruzione ha poi il difeso la decisione di rendere il voto in condotta decisivo, nel passaggio alla classe successiva: "Un fatto necessario - ha sostenuto - si tratta di un provvedimento equilibrato perchè non lascia al singolo docente la valutazione che è frutto di una decisione collegiale. La Gelmini ha poi ammesso di aver preso anche lei un cinque in condotta, nel suo percorso scolastico.

Quanto ai precari, il ministro ha dichiarato che sono 18 mila in tutto i supplenti che quest'anno non saranno confermati. "Si tratta di un dato pesante - ha sottolineato - ma non così pesante come i 42mila previsti dalla Finanziaria". Tra le misure allo studio per favorire chi quest'anno ha avuto supplenze annuali, o il dar loro la priorità sulle supplenze temporanee di almeno un paio di mesi, con l'erogazione di una indennità di disoccupazione per coprire i periodi senza lavoro; oppure favorire la mobilità, offrendo loro la possibilità di fare più richieste in più scuole.

All'università, invece, i precari sono circa 10 mila. E i corsi, il prossimo anno, saranno ridotti di circa il 20%.
(19 marzo 2009)

Continua a leggere...

martedì 17 marzo 2009

Manifestazione 18/03 Modena

Continua a leggere...

Roma Tre, trovate spranghe e catene a Scienze politiche


Nell'armadietto dell'aula dove si riuniscono i giovani di destra della facoltà di Scienze Politiche di Roma 3 sono state trovate spranghe e catene. La scoperta è stata fatta questa mattina da studenti e personale dell'istituto. Nell'armadietto c'erano anche volantini inneggianti alle associazioni 'Foro753', 'Azione Universitaria', 'Il Manifesto di Verona'.

Gli studenti dei Collettivi hanno esposto all'ingresso dell'aula A un pannello contenente il materiale trovato nella stanza dei giovani di destra dove c'erano scritte come 'Onore a Jorge Haider', 'Comandante Cecchini: presente', 'Paolo vive', una copia dell'edizione straordinaria del Messaggero intitolata 'L'Italia è in guerra, nonché una grande vignetta sulla presenza degli zingari in Italia con frasi come "io da grande ruberò in metropolitana" oppure "non sono maggiorenne ma ho già 14 figli", riferite ai bimbi rom.

"Questa delle spranghe è una novità dell'ultimo minuto. Cercheremo di fare piena luce in tempi rapidissimi su questo episodio". Lo ha detto il Preside della facoltà di Scienze politiche dell'Università di Roma 3, Francesco Guida, a margine di una conferenza stampa organizzata dai collettivi di sinistra dopo gli scontri fra opposte fazioni che hanno avuto luogo ieri davanti all'ateneo.

L'armadietto è stato forzato dai ragazzi di sinistra, Luciano Governali del collettivo di Scienze politiche dice: "Adesso posso dire, per fortuna abbiamo sfondato l'armadietto".

Rispondendo ad una domanda su come fosse possibile che all'interno di una facoltà potessero esserci, proprio in un'auletta sita nell'atrio principale, spranghe e catene, Guida ha risposto che "basta vedere come è strutturato questo palazzo". Riferendosi poi all'aggressione di ieri il Preside ha detto che "la facoltà ha deciso di seguire con estrema attenzione quanto accaduto".

"Condanniamo gravemente questi fatti e vogliamo risalire alle responsabilità attraverso l'inchiesta che è in corso. E sulla base di questo assumeremo poi i provvedimenti necessari che non sono solo di facoltà ma di ateneo".

Continua a leggere...

lunedì 9 marzo 2009

Torino, scontri all'università I collettivi contro gli studenti di destra


Il banchetto del Fuan, gli studenti di destra di Azione Universitaria, dentro Palazzo Nuovo non ci può stare. E così, gli studenti dei collettivi dell'Università di Torino questa mattina hanno detto la loro: «Fuori i fascisti dall'università». Dopo pochi minuti la polizia è arrivata a caricarli.


La tensione è restata alle stelle per qualche ora: a scatenare la reazione delle forze dell'ordine pare ci sia stato il lancio di un fumogeno nell'atrio della Facoltà. A lanciarlo sono stati gli studenti antifascisti che non ritengono opportuna la raccolta firme organizzata dal Fuan in vista delle elezioni studentesche.

Dopo la prima violenta carica, le forze dell'ordine hanno fatto ulteriori cariche, cosiddette di «alleggerimento», per disperdere i giovani dall'atrio. Tutti sono stati fatti uscire, mentre la polizia presidia l'ingresso dell'Università, facendo entrare solo chi dimostra di dover andare a lezione. Almeno un ragazzo è stato portato via in manette.

fonte: www.unita.it

Continua a leggere...

sabato 7 marzo 2009

Dall'Assemblea Nazionale di AteneInRivolta.org: UN'IPOTESI DI LAVORO

Nelle giornate di Sabato 28 Febbraio e Domenica 1 Marzo nella Facoltà di Psicologia della Sapienza si è tenuta un’Assemblea Nazionale promossa dal Coordinamento dei Collettivi della Sapienza, un momento di confronto fra tante realtà universitarie che hanno preso parte al Movimento dell’Onda e che continuano a lottare quotidianamente per un’università e una società diverse.

La discussione, a partire dalle 12 tesi per l’università dei Collettivi della Sapienza, ha affrontato tematiche quali la crisi economica e le politiche del Governo, i processi di riforma dell’università, i terreni e le pratiche di lotta da sviluppare per favorire una ripresa del movimento e gli strumenti necessari per instaurare stabili relazioni fra le varie realtà universitarie a livello nazionale.

La crisi economica è una crisi strutturale e sistemica del capitalismo che, a partire dall’economia e dalla finanza, sta profondamente mutando il contesto politico e sociale. Il fallimento di colossi bancari, la riduzione della produzione delle grandi aziende, la chiusura di migliaia di piccole e medie imprese a conduzione familiare, il licenziamento di centinaia di migliaia di lavoratori e lavoratrici e i 70.000 precari che ogni mese non vedranno rinnovato il loro contratto, rimanendo senza salario né cassa integrazione, i tagli a Scuola, Università, Ricerca, Sanità, sono elementi che indicano come la crisi si stia abbattendo su tutti quei soggetti più deboli, con meno diritti e garanzie, che la crisi non hanno prodotto e che non intendono pagare.

Nel versante politico la crisi sta producendo un’accelerazione delle politiche del Governo, politiche securitarie e xenofobe che individuano nell’autoritarismo e nell’attacco ai diritti dei lavoratori e delle lavoratrici la via di uscita dalla crisi ed il mezzo con cui reprimere i conflitti sociali da essa scaturiti. La riduzione dei salari, dei diritti e della sicurezza sul lavoro, l’attacco al diritto di sciopero e al contratto collettivo, il pacchetto sicurezza, l'uso strumentale della violenza sul corpo delle donne per giustificare l’accanimento nei confronti dei migranti, il perpetrarsi di un'ingerenza vaticana legittimata da tutta la classe politica che attacca costantemente i diritti di lesbiche, gay, intersessuali e trans, l’attacco alla Costituzione e lo sdoganamento dei neofascismi necessitano di un argine per essere fermati, di una larga opposizione sociale fatta di stabili alleanze fra studenti e studentesse, lavoratori e lavoratrici, migranti, lotte territoriali e in difesa dei beni comuni. La relazione fra soggetti sociali e lo stabile collegamento fra le lotte non va solo enunciata, ma costruita con analisi, pratiche e rivendicazioni comuni, come terreno di costruzione fondamentale e prioritario. Relazione che abbia come collante politico i temi dell’antifascismo, dell’antirazzismo e dell’antisessismo. Basi di partenza sia per una rivendicazione nazionale che territoriale, da affrontare ognuno in relazione alle peculiarità locali.

Alleanze sociali che, come studenti e studentesse, dobbiamo costruire a partire dalle nostre specificità e dalle nostre realtà. L’università che quotidianamente viviamo è da anni sotto stretto attacco da parte di tutti i governi che hanno progressivamente definanziato gli Atenei pubblici in favore di quelli privati. Il Processo di Bologna, declinato in Italia nella riforma del 3+2, ci ha consegnato un’università fatta di una didattica fortemente dequalificata, con contenuti critici totalmente assenti, un sapere frammentato e mercificato tramite il sistema del credito, un sistema di trasmissione della conoscenza verticale e gerarchico, completamente chiuso alle istanze degli studenti. L’università di oggi è un’università di massa in cui permane una forte selezione di classe, dovuta al continuo aumento delle tasse universitarie, alla quasi totale assenza del diritto allo studio, ai numeri chiusi e ai blocchi fra triennale e specialistica.

Sorte non differente è quella della Scuola, da quella primaria a quella d’istruzione superiore, che partendo dal ritorno della figura anacronistica del maestro unico, mina la creazione di un pensiero critico e nega materialmente pari opportunità a tutte le bambine ed i bambini di sviluppare la propria formazione.

Vogliamo l’abolizione del 3+2, del sistema dei crediti, dell’autonomia finanziaria degli Atenei, dei numeri chiusi e di ogni forma di blocco. Vogliamo maggiori finanziamenti per l’Università pubblica, per la ricerca e per il diritto allo studio. L’abbattimento delle tasse universitarie fino alla gratuità dell’università. Rifiutiamo l'idea stessa che il diritto allo studio venga regolato su base regionale: i diritti non hanno confini e quel che per legge si tenta di dividere e differenziare noi lo riunificheremo e generalizzeremo attraverso le nostre rivendicazioni.

Rivendicazioni che non puntino soltanto alla compensazione di quel che negli anni ci hanno sottratto, ma mirino direttamente a costituire contropotere effettivo nelle nostre facoltà e nei nostri atenei.
Impediremo in ogni modo qualsiasi forma di privatizzazione e aziendalizzazione dell’università e dunque vogliamo il ritiro della Legge 133. Rivendichiamo la centralità della figura dello studente nella vita e nei processi decisionali degli Atenei: il primo passo in questa direzione è la conquista e la difesa degli spazi occupati ed autogestiti dagli studenti. Siamo assolutamente contrari all’abolizione del valore legale del titolo di studio. Denunciamo inoltre il signoraggio bancario come principale causa del Debito pubblico e della conseguente privatizzazione dei beni comuni.

Per questo, premettendo che ogni relazione tra le realtà universitarie non può che darsi sul terreno delle pratiche di lotta proponiamo la seguente ipotesi di lavoro comune:

1) Il tema della Riappropriazione ed il rifiuto di ogni forma di precarietà come terreni centrali di lotta, da articolare territorialmente a seconda delle specificità locali tramite campagne e vertenze. Riappropriazione della qualità della didattica, dell’unità dei saperi, dei saperi critici, del diritto allo studio, delle garanzie e dei diritti sul lavoro e di tutto quello che ci hanno sottratto in questi anni. Da oggi diciamo basta! Ci riprenderemo tutto!

2) I temi dell'Antifascismo, Antisessismo e Antirazzismo, da sviluppare attraverso campagne e vertenze contro il pacchetto sicurezza e tutte le misure locali ad esso collegate, contro i rigurgiti neofascisti che sempre più spesso cercano di rialzare la testa nelle nostre città, contro le discriminazioni e l'oppressione di genere.

3) Date comuni di mobilitazione, in modo particolare:

- 18 marzo, sciopero Flc-Cgil Scuola e Università

- 17-19 maggio, G8 Università a Torino

- Giornata della “riappropriazione” in data da definire insieme

e secondo le possibilità di ogni specifica realtà:

- 28-29 marzo G8 Lavoro e Welfare a Roma/Manifestazione dei sindacati di base

- 22-23-24 aprile, G8 Ambiente a Siracusa

4) Strumenti comuni:

- una mailing list di comunicazione, utile anche per socializzare e condividere i percorsi specifici delle singole realtà

- l'apertura di un forum di discussione sul sito ateneinrivolta.org che tratti i temi sopra riportati tanto in termini di analisi, quanto in termini di ipotesi di lavoro, di cui andranno discusse le caratteristiche tecniche per renderlo luogo utile di confronto.

- l'apertura di sezioni locali del sito ateneinrivolta.org gestite autonomamente dalle singole realtà

- materiali condivisi da utilizzare nelle campagne comuni, da discutere in mailing list e pubblicare successivamente sul sito per renderli scaricabili da tutti/e.

VERSO UNA NUOVA MAREGGIATA!

ASSEMBLEA NAZIONALE DI ATENEINRIVOLTA.ORG

Continua a leggere...

mercoledì 4 marzo 2009

Manifesto contro il razzismo e la xenofobia della Facoltà di Lettere e Filosofia

Di fronte al verificarsi di numerosi e gravi episodi di razzismo e di xenofobia nel nostro paese e alla frequenza di reazioni minimizzatrici e giustificazionistiche anche a livello istituzionale, il Consiglio di Facoltà di Lettere e Filosofia considera necessario affermare alcuni principi generali e farne derivare le relative indicazioni pratiche:




1. Il rispetto della persona e la disponibilità al dialogo vanno garantiti a tutti i soggetti migranti presenti sul territorio italiano, indipendentemente dal loro status civile e politico (migranti, rifugiati politici, asilanti, sans papiers o altro) e dal possesso o meno della cittadinanza italiana. I soggetti vanno anzitutto considerati come cittadini del mondo.



2. Va usata una oculata pianificazione linguistica nel denominare, descrivere e riferire fatti e persone in cui sono coinvolti soggetti migranti. Si denuncia e si rifiuta l’uso e l’abuso della parola “straniero”, offensiva e inadeguata per intendere con un unico termine di derivazione fascista un’ampia tipologia di soggetti che non hanno l’italiano come lingua materna. Si propone una dizione più aderente alla realtà come quella di “Migrante”.



3. Va diffuso e incrementao il valore della diversità linguistica e culturale e il suo pianificato intervento formativo per il raggiungimento di una sviluppata competenza interculturale cui dovrebbe essere educata tutta la popolazione autoctona.



4. Va sollecitata la diffusione della “Carta di Roma” come codice etico contro la xenofobia e il razzismo. Ad essa dovrebbero attenersi tutti gli organi e le istituzioni preposti sia alla diffusione dell’informazione (giornali e diffusori massmediatici) che alla formazione dei cittadini. Va ugualmente promossa la diffusione e la discussione della recente Decisione quadro dei ministri della Giustizia della UE, che colpisce “coloro che incitano pubblicamente e intenzionalmente alla violenza e all’odio … contro un gruppo di persone o un membro di tale gruppo definito in base alla razza, al colore, alla religione, discendenza, origini nazionali o etniche”, ricordando che i governi nazionali sono tenuti a recepire entro due anni tale Decisione nei rispettivi ordinamenti.



5. Va favorito e pubblicizzato il contatto con le istituzioni che si occupano statutariamente dei soggetti migranti, soprattutto con il “Forum Sociale Europeo delle Migrazioni”. Ciò per progettare e coordinare campagne a tutto raggio in favore dei diritti dei migranti e contro le politiche repressive e securitarie.



6. Va sollecitata la denuncia pubblica di tutte quelle campagne di criminalizzazione dello “straniero” che, ostacolando lo sviluppo della competenza interculturale, vanno invece a costruire la “sindrome dell’invasione” come risultato di una irrazionale immagine negativa dei migranti.



7. Vanno documentati gli episodi di razzismo e di xenofobia e vanno segnalate e appoggiate le più significative forme di contrasto e di denuncia di tali episodi, allo scopo di superare atteggiamenti non solo di complicità, ma anche di indifferenza e di acquiescenza.



8. Va promossa e approfondita – nella normale attività didattica e attraverso specifiche iniziative culturali concordate con gli studenti – la comprensione delle radici del razzismo nella storia del nostro paese: dalle “imprese” coloniali alle leggi del 1938, dall’affermarsi di personalità e indirizzi razzistici nelle varie scienze e discipline (eugenetica, demografia, antropologia, storia romana, storia coloniale, ecc.) ai progetti ideologici di creazione dell’uomo nuovo o di trasformazione guerriera del carattere degli italiani. La profondità di tali radici significa anche la possibilità di persistenza e di riadattamento a nuove situazioni e dimostra la inconsistenza e soprattutto la pericolosità del mito e delle rappresentazioni del “bravo italiano”.



9. Va ricordato che la “costruzione” del migrante come “nemico” diventa funzionale a nascondere la questione politica della sicurezza, della coesione e della giustizia sociale per tutta la popolazione.



10. Va infine tenuto presente che il razzismo e la xenofobia non sono futili e casuali esternazioni individuali, bensì segni di un profondo e pervasivo degrado sociale. Restare in silenzio significa contribuire a legittimare e a sviluppare gravi forme di intolleranza collettiva.


Sulla base dei punti sopra enunciati il Consiglio della Facoltà di Lettere e Filosofia si impegna a pubblicizzare in tempi brevi un calendario di iniziative a partire dal mese di gennaio 2009 e segnala già da ora l’interesse per la mostra “L’offesa della razza. Razzismo e antisemitismo dell’Italia fascista”, curata dall’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali – Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia Romagna e allestita presso il Liceo Venturi di Modena.

Continua a leggere...

Discorso del Magnifico

Carissimi Studenti,
Autorità, Magnifici Rettori
Colleghi docenti, tecnici, amministrativi,
Graditi ospiti


Inizio questo mio primo discorso di apertura dell’anno accademico rivolgendo i miei più sentiti auguri di buon lavoro per il nuovo Anno Accademico 2008-9 all’intera comunità universitaria; in particolare do il benvenuto ai nuovi studenti immatricolati presso il nostro Ateneo ai colleghi che si sono aggiunti al nostro corpo docente nel corso di quest’anno.



I nostri nuovi studenti sono (al 31 gennaio 2009)

2006
(dati al 31 luglio 2006) 2007
(dati al 31 luglio) 2008
(dati al 31 gennaio 09)
Modena 2303 2695 2828
Reggio Emilia 915 828 947
Totale 3218 3523 3775




Durante gli ultimi tre anni hanno preso servizio:


2006 2007 2008
38 ricercatori (35 nomine e 3 trasferimenti) 12 ricercatori (10 nomine e 2 trasferimenti) 45 ricercatori (42 nomine e 3 trasferimenti)
33 professori associati (di cui 24 up-grading) 7 professori associati (di cui 2 up-grading) 3 professori associati (di cui 1 up-grading)
13 professori straordinari (tutti up-grading) 5 professori straordinari (di cui 2 up-grading) 1 professore straordinario
82 (47 nuove posizioni) 24 (20 nuove posizioni) 49 (48 nuove posizioni)

A questi nuovi arrivi si aggiungono le seguenti assunzioni di personale tecnico amministrativo

2006 2007 2008
71 30 110


Numero degli studenti (totale):

A tutt’oggi gli iscritti all’Università di Modena e Reggio Emilia sono 18.400 nei corsi di laurea di primo e secondo livello; inoltre frequentano il nostro ateneo oltre 2000 studenti distribuiti tra i corsi di Dottorato, specializzazione e master, per un totale che si avvicina ai 21.000 studenti.

Numero dei docenti (totale):

2006 2007 2008
prof. di I fascia 291 287 268
prof. di II fascia 304 298 292
ricercatori 275 280 320
assistenti univ. 4 2 2
TOTALE 874 867 882



Turn Over:
pensionamenti del personale tecnico amministrativo

2006 2007 2008
27 18 27


pensionamenti Personale Docente:
2006 2007 2008
22 27 32





Nel corso dei prossimi 3 anni, ci aspettiamo circa 60 pensionamenti

Laureati

2005 2006 2007
UNIMORE
(3307) ITALIA UNIMORE
(3175) ITALIA UNIMORE
(3191) ITALIA
In corso I anno f. corso In corso I anno f. corso In corso I anno f. corso In corso I anno f. corso In corso I anno f. corso In corso I anno f. corso
58,4 21,1 11,3 20,6 59,8 20,0 34,5 22,4 59,4 22,6 37,3 22,3



I CORSI DI STUDIO

Nell’anno in corso l’offerta formativa è stata mantenuta essenzialmente eguale a quella dell’anno precedente per un totale di 89 corsi di laurea, di cui 4 in modalità FAD, ( 67 a Modena, 22 a Reggio Emilia), suddivisi tra 12 Facoltà. Ma, come sapete, abbiamo già definito l’offerta formativa per il prossimo anno accademico: l’Ateneo con una decisione senza precedenti, presa con piena coscienza della situazione che si sta venendo a creare, chiuderà, ovvero se volete accorperà, 8 corsi di laurea ( 6 a Modena 2 a Reggio Emilia), per rimanere all’interno dei parametri statali.

89 corsi di laurea suddivisi tra 12 Facoltà.
67 a Modena 22 a Reggio Emilia




LA LEGGE FINANZIARIA, IL D.L. 270 E LA RIDUZIONE DELL’OFFERTA FORMATIVA

La decisione di ridurre l’offerta formativa è stata presa dopo una lunga e meditata discussione. Le decisioni sono di far sì che tutti i corsi di studio, a partire dal prossimo anno accademico, siano conformi al D.L. 270. Non solo! I conteggi, fatti per stabilire la possibilità di apertura dei corsi stessi, sono stati compiuti supponendo che nessun nuovo docente venga assunto nei prossimi 3 anni. Questo comporterà l’accorpamento di alcuni corsi di studio la chiusura di altri. In altre parole abbiamo assicurato stabilità alla nostra offerta formativa, facendo “ordine in casa” secondo i requisiti del D.L. 270. Questo non toglie che ridurre l’offerta formativa, soprattutto in un’Università di dimensioni medio-piccole, sia difficile e doloroso.

Siamo di fronte ad un’Università che presenta:
• una stabilità nel numero dei docenti, pur con una distribuzione tra le tre fasce non ottimale,
• un aumento costante del numero degli studenti;
• una politica di attenzione verso il personale tecnico amministrativo, caratterizzato da un processo di stabilizzazione e riduzione del precariato;
• un’anticipazione dell’adeguamento ai dettami della 270 e la “razionalizzazione” dei propri corsi.

I corsi di studio vanno ospitati in strutture adeguate, quindi devo parlare di edilizia:
L’istituzione, 10 anni or sono, della rete di sedi, associata ad una attenta scelta nel campo dell’offerta formativa, ha dato come risultato un aumento costante degli studenti. Ovviamente, gli studenti devono essere accolti in strutture dignitose e funzionali. A tal fine, i miei predecessori, hanno dato inizio ad un impegnativo programma edilizio, che ha portato ad importanti realizzazioni, eseguite in armonia con le amministrazioni locali.

Elenco, solo per richiamare alla memoria, la sede di ingegneria, la sede di Lettere e Filosofia, la sede di Giurisprudenza (che verrà inaugurata nelle prossime settimane) a Modena, lo sviluppo del S. Lazzaro e della ex caserma Zucchi a Reggio Emilia. All’inizio di questo importante programma di sviluppo edilizio, l’Università di Modena e Reggio Emilia ha goduto di accordi di programma ministeriali e degli Enti locali. Da tre anni ormai, tali investimenti si sono in pratica azzerati. I fondi allora stanziati non erano sufficienti per completare le opere intraprese, e l’Università ha deciso, al fine di evitare l’accensione di un mutuo, di adottare un programma di “rientro”, mettendo in bilancio per i prossimi 20 anni il pagamento di 1,5 M€/anno.

Nonostante le importanti opere eseguite, la situazione edilizia non è, in generale, buona. Insediamenti costruiti negli anni 60, abbisognano di urgenti opere di ristrutturazione, il S. Eufemia (centro storico di Modena) necessita ancora di importanti investimenti, il S. Lazzaro a Reggio Emilia ha assoluta necessità di avere, almeno, nuovi spazi per i laboratori, la ex caserma Zucchi è insufficiente per ospitare le due Facoltà che vi insistono. L’Università paga pesanti affitti per aule e laboratori.

Quindi, un’Università che negli ultimi anni ha eseguito bene il compito affidatole, che ha aumentato il numero degli studenti, senza aumentare in modo significativo il corpo docente, che ha raggiunto in Italia i vertici di varie graduatorie fatte da organi di stampa e da agenzie indipendenti, e che si trova ora in reali difficoltà economiche e non riesce a mantenere ad uno standard adeguato aule e laboratori.

Di fronte ad una carenza totale di investimenti in edilizia da parte del Ministero, in assenza di un reale contributo da parte degli Enti pubblici e privati locali, abbiamo egualmente deciso di procedere a costruire l’edificio che ospiterà i dipartimenti di Chimica, Farmacia e Scienze della Terra, ora ospitati in edifici che si trovano, diciamo, in situazioni certamente non dignitose. Nel contempo, stiamo procedendo, a finalizzare la realizzazione di un edificio per laboratori da costruire nel comparto del S. Lazzaro. Il tutto verrà eseguito attraverso una sorta di “prestito” con INPDAP, per il quale l’Università pagherà, a lavori terminati, una congrua somma annuale.

Nel contempo, stiamo cercando di coinvolgere in progetti, che comprendano anche un contributo all’edilizia, numerosi ricercatori. Uno dei progetti, avviato in questi giorni, riguarda la nostra propositività all’interno dei costituendi “tecnopoli” provinciali, finanziati dalla Regione Emilia-Romagna (che utilizza a tal fine fondi Europei per lo Sviluppo industriale).

Nonostante la recessione in atto, l’Università di Modena e Reggio Emilia sta dimostrando il coraggio di scelte difficili, chiamata a ciò non certo da “ubbie edilizie”, ma dalla necessità di assicurare a docenti e studenti sedi dignitose, accoglienti e sicure.

LA LEGGE 133/2008

Il D.L. 133, modificato in parte dal D.L. 1/2009 (Decreto “Gelmini”), nonché il disegno di Legge della Finanziaria 2009 prevede per il funzionamento dell’Università Italiana 7.190 milioni di euro nel 2009 (cifra simile a quella stanziata per il 2008), che diminuiranno nel 2010 a 6.450, e diventeranno 6.250 nel 2011.

A legislazione costante, sulla base della simulazione che abbiamo condotto, tenendo conto del peso percentuale che il nostro Ateneo ha sul sistema, abbiamo dei risultati piuttosto chiari.

L’FFO è stato nel 2007 e nel 2008 pari a circa 93 M€ , circa la stessa cifra è prevista per il 2009. Tenendo conto dei fattori premiali per chi come noi ha bene amministrato le risorse pubbliche, avremmo dovuto aspettarci di garantire l’equilibrio nei prossimi anni, anche tenendo conto che da molti anni l’aumento della massa salariale è stato posto a totale carico degli Atenei, compresi gli aumenti, per la massima parte automatici.

Ora, nella proiezione che era stata recepita nel bilancio di previsione, noi siamo rimasti nel 2008 al di sotto di quel 90% del rapporto fra assegni fissi e FFO, che è il vincolo che la legge ci pone.

Rimanendo a nostro carico l’aggiornamento della massa salariale, già nel 2009 siamo in difficoltà a rimanere sotto quella quota del 90% del FFO. Nel 2010, prevedendo il blocco totale del turn over e a legislazione immodificata, l’FFO sarà appena sufficiente per pagare gli stipendi, mentre nel 2011 la situazione non sarà governabile e, per pagare gli stipendi si dovranno utilizzare fondi derivanti, essenzialmente, dalle tasse di iscrizione.

Considerando che i provvedimenti presi dalla legge 133 prevedono che parte delle risorse derivate dai pensionamenti, ritorneranno al Tesoro, ma dovendo fare fronte agli aumenti salariali, avremo come conseguenza il blocco totale del turn over, e soprattutto quello delle entrate di nuovi ricercatori. La massa salariale scenderà, ma la percentuale del FFO impegnata in stipendi rimarrà costante. Tutto ciò è modulato dal Decreto Gelmini, che prevede un blocco del turn-over al 50%, confliggendo comunque con le direttive date dalla 133, che al momento non risultano modificate.

Per concludere l’esame della L. 133, in riferimento all’Università la legge prevede, oltre ai tagli dell’FFO, la riduzione del turn-over (al 20 % nella legge 133, L, al 50% nel D.L 180. 2008); la possibile trasformazione delle Università in Fondazioni e la sospensione delle SSIS Per quanto riguarda la trasformazione dell’Università in Fondazioni di diritto privato, la situazione appare complessa. Numerose sono le Fondazioni istituite per sostenere le Università, ai sensi della L. 388/2000 e del DPR 254/2001, ma si tratta di istituzioni ben diverse da quanto previsto dalla L. 133, che prevede una trasformazione delle stesse Università in Fondazioni. Questa proposta è stata letta come un segno di disinteresse, o meglio di abbandono del ruolo dello Stato nei confronti della ricerca e della alta formazione.

L’ipotesi della privatizzazione va a porsi in un contesto nazionale ed Europeo dove lo Stato ha sempre visto come una propria prerogativa quella di finanziare, regolamentare, indirizzare l’Università: Università, dunque, sentita come bene collettivo, nel cui seno trova applicazione il diritto allo studio per tutti i cittadini, ( io aggiungerei tutti i cittadini meritevoli), diritto sancito dalla nostra Costituzione.

Dopo il richiamo a così alti ideali, quali il diritto allo studio universale, e alle tradizioni Europee, confrontiamoci con l’Europa

IL CONFRONTO CON L’EUROPA

I recenti dati OCSE sull’università europea mettono in luce dati molto preoccupanti.
Ritengo grave non il fatto che di fronte ad una spesa media Europea per studente universitario di 11.512 $, quella italiana sia di 8.026 $, ma il fatto che solo il 17% dei 25-34enni italiani possono vantare un diploma di laurea, contro una media del 33% in Europa. Il gap con l’Europa è calato in anni recenti, in effetti il numero degli studenti immatricolati si confronta bene con i numeri Europei. Il rapporto dell’OCSE, mette in conto questo miglioramento con la riforma del 3+2 del 2002; purtroppo noi sappiamo bene come l’assoluta maggioranza dei nostri laureati di primo livello non lavora, ma continua con il cosiddetto “+2”. Un altro aspetto che reputo grave, nel nostro confronto con l’Europa, è il tasso di abbandono. In media solo il 45% degli iscritti raggiunge il diploma di laurea, contro una media europea che raggiunge il 69%. Di conseguenza la differenza nel numero di laureati rimane costante. Notate, il numero dei laureati in corso nella nostra Università è tranquillamente ai livelli Europei.

Con la L. 133 questo cammino di avvicinamento agli standard Europei inevitabilmente si interromperà ed il gap differenziale non farà che aumentare ulteriormente, con conseguente calo nella nostra capacità di competere, un peggioramento della nostra classe dirigente, un impoverimento del Paese.

Nella politica per l’Istruzione, negli anni dal 1995 al 2005, mentre i Paesi Europei hanno incrementato la spesa per lì educazione del 41%, l’aumento osservato in Italia raggiunge appena il 12%, quindi nessun aumento in termini reali, con una percentuale del PIL impegnato nell’istruzione di un punto secco inferiore alla media europea.

Unico dato in controtendenza: negli ultimi 5 anni, si è visto un aumento degli investimenti privati nell’istruzione terziaria, istruzione privata, che comunque copre la minima parte della richiesta di formazione in Italia. Quindi, il passaggio da una situazione, essenzialmente Europea ad una, diciamo, di tipo “Americano” sembra irrealizzabile. Per quanto riguarda il numero delle sedi, uno dei punti aspramente criticati nel Paese, gli Istituti di terzo livello in Italia sono 92, (erano 70 nel 2000), conteggiando le sedi distaccate, si arriva a circa 300. Facendo un semplice raffronto numerico, in Francia con una superficie quasi doppia dell’Italia ed una minore popolazione le sedi universitarie sono oltre 400.

Parlando poi di tasse universitarie, in un sistema come il nostro che già non si confronta bene con il resto d’Europa, le tasse universitarie nel nostro Paese sono allineate, anzi più elevate, della media europea (la media Italiana è 1100$, media Europea 1017$). Non occorre forse ricordare che in vari Paesi Europei l’Istruzione di terzo livello è gratuita!

Concludendo questo breve confronto con la situazione Europea, negli ultimi 10 anni in Italia si è avuto un modesto aumento della spesa nel sistema di educazione terziaria, accompagnato da un modesto incremento nel numero degli studenti, quindi un aumento relativo della spesa per studente, associata a un calo dell’efficienza.

In questi giorni i governi (non solo Europei) hanno lanciato una serie di provvedimenti di “stimolo” , intesi a superare la profondissima crisi che ci attanaglia. Ora, guardando solo i nostri vicini, in Francia il pacchetto di “aiuti” riserva 5 miliardi all’Università, concentrandoli solamente sulle Università giudicate migliori. In Germania, nel pacchetto di 64 miliardi di Euro, 24 sono dedicati al miglioramento del sistema formativo. Nel nostro Paese, - per contro - si pensa di utilizzare i “risparmi” ottenuti dai tagli all’Università per utilizzarli nei provvedimenti di supporto.


UNA POLITICA NAZIONALE PER L’UNIVERSITA’

Che l’Università italiana non sia un modello di efficienza e che i suoi amministratori/governanti, talvolta, non operino con rigore, mi sembra possa essere considerata un’affermazione corretta.

Ma, da questo a passare al taglio “sic et simpliciter” dei fondi per l’Università ad un livello che non consentirà di chiudere i bilanci, potrebbe fare pensare ad una precisa “politica punitiva” presente nella mente e nelle intenzioni del nostro Governo. Se l’Università italiana è veramente così inefficiente, se le spese sostenute sono eccessive, se il numero dei suoi docenti è fuori controllo ed il livello medio degli stessi infimo, allora esisterebbe una ragione per la quale uno Stato importante a livello mondiale come l’Italia, che si vanta di appartenere al novero del G8, decida di affidarsi a “strade indefinite” per l’istruzione di terzo livello dei propri cittadini.

E’ un momento grave per il Paese, ma non è con tagli indifferenziati, come quelli adottati nella finanziaria approvata nel 2008 che si potrà uscire dalla crisi dell’Università. Anche per noi, Università di Modena e Reggio Emilia, è tempo di riflessione, di autocritica nonché di cambiamento. Anche per questa ragione abbiamo preferito organizzare questa cerimonia di apertura “francescana”, dedicata alla riflessione e non alla celebrazione.

E’ convinzione generale che la “spina dorsale” di ogni Paese sia costituita dall’Istruzione dei propri cittadini. E’ possibile pensare di “tagliare” il futuro di questo Paese? Rinunciare a quello sviluppo nel quale gli altri Paesi Europei sono pronti ad investire parte importante del proprio PIL, anche nei periodi di recessione più dura?

This was the most unkindest cut of all (Shakespeare, Julius Caesar Act 3, scene 2, 183)

La qualità dei nostri laureati è bassa? Piuttosto che tagliare la sussistenza, il Governo, così come le Amministrazioni locali e le Università stesse, mettano a punto sistemi di valutazione oggettiva che premino le Università virtuose e puniscano quelle peggiori. Il Ministro Gelmini ha dichiarato: “finanziamenti a fronte di riforme”. L’Università di Modena e Reggio Emilia è pronta a scoprire le carte sul piano della riforma, ma vuole anche vedere le carte del Governo sui finanziamenti.

In un momento di recessione acuta come questo, occorre scommettere sul proprio futuro, investendo bene. Il sistema Universitario italiano è governato da centinaia (migliaia) di leggi che ne determinano e segnano tutti i singoli atti, ma pochi sono i Decreti che vanno a valutare efficacia ed efficienza. Spesso, i nostri legislatori si preoccupano di tutto quanto concerne la “procedura” e la correttezza della stessa, quasi mai dei risultati.


Su questo punto mi sento di chiedere fortemente a chi ha la responsabilità di governo del Paese, di togliere lacci formali semplicemente abolendo regolamenti, leggi e leggine, istituendo nel contempo una seria ed oggettiva valutazione. Introducendo un sistema premiale e incentivante. Non si tratta di premiare reali o presunte “eccellenze” (parola assai abusata), ma di far crescere il livello medio della qualità. La cultura della valutazione e della valorizzazione dovrà diventare uno degli elementi caratterizzanti della vita universitaria, secondo criteri condivisi. Ricordo comunque che la meritocrazia è possibile solo se sono garantite a tutti la stesse opportunità, prescindendo dal genere, dalle scelte politico-culturali, dai legami familiari e dall’appartenenza a gruppi accademici.

Una politica nazionale per l’Università è necessaria. Solo in questo modo sarà possibile affrontare i tagli già decisi. Faccio un esempio: si può dire chiaramente che 60.000 docenti a tempo indeterminato sono troppi per il sistema Universitario italiano, purché questo venga accompagnato dalla possibilità di “investire” in docenti, anche a tempo determinato, con contratti “ad hoc”, con stipendi adeguati e competitivi. Anche il vituperato sistema concorsuale italiano può trovare soluzione nell’affermarsi di un sana politica Nazionale, caratterizzata da premi, incentivi, non solo, ma anche da punizioni.

Non ho mai udito di docenti non confermati alla fine del triennio di straordinariato. A parole, la nostra legislazione sembrerebbe sfidare antichi tabù sindacali, quali quello di potere licenziare un docente (che ha vinto un concorso) se alla fine del triennio non risulta confermato da una commissione nazionale; nei fatti un giudizio negativo non si è (quasi) mai visto.

Solo affermando la meritocrazia e la trasparenza l’Università italiana potrà salvarsi.

Torniamo a Modena e Reggio Emilia ed esaminiamo i punti critici del nostro Ateneo

I PUNTI CRITICI DEL NOSTRO ATENEO

Il nostro Ateneo, assieme a spunti sicuramente positivi, mantiene caratteristiche tipiche dell’Università italiana, in particolare reputo tra i maggiori difetti:
• l’autoreferenzialità;
• l’insufficienza, se non inefficacia del sistema di valutazione;
• La bassa efficacia nell’azione degli organi accademici, in particolare le funzioni del Senato e del Consiglio di Amministrazione non sono chiaramente distinte;
• un sistema amministrativo legato alla osservanza della regola e de-responsabilizzato
• un sistema del reclutamento del personale talvolta non trasparente, dove non sono evidenti i parametri di giudizio e di merito;
• la mancanza di un rapporto continuo e proficuo di risultati con enti locali, istituzioni pubbliche e privati, che fa sì che non esista un organismo dove si possa discutere assieme gli indirizzi e lo sviluppo delle nostre sedi universitarie;
• la carenza di alloggi a prezzo calmierato, ovvero di veri collegi per ospitare studenti ed assicurare il diritto allo studio
• rigore etico: ai punti appena menzionati, si aggiunge la questione dei comportamenti individuali e sociali all’interno dell’Università. So che nessun codice di condotta e nessuna norma potrà essere risolutiva per eliminare comportamenti scorretti ed eticamente deprecabili. Porterò comunque all’approvazione del Senato Accademico il Codice etico e dei comportamenti.

AZIONI

L’autoreferenzialità va superata introducendo una serie di test obiettivi di misura. Sto parlando in modo specifico della docenza, la valutazione dei corsi va effettuata in modo capillare, si discuterà come e quanto rendere pubblicamente disponibili i risultati. Esiste una diffusa resistenza, sia tra il corpo docente che tra gli studenti a farsi valutare in modo oggettivo. Purtroppo non abbiamo ancora una cultura di come eseguire ed utilizzare al meglio test di misura oggettiva, ma su questa strada ci stiamo incamminando.

Incentivare e premiare lo studente migliore è un punto fondamentale per fare superare alla nostra Università un falso senso di “egalitarismo”, dove tutti risultano “eccellenti”. Occorre inibire quell’alleanza perversa che si viene talvolta a creare tra studente e docente: io ti valuto bene, e tu non mi chiedi impegno, che porta all’appiattimento e alla vera punizione dei migliori. L’appiattimento dei valori colpisce egualmente docenti e discenti.

In assenza di un progetto di valutazione nazionale delle Università, (il CIVR non è certo nel pieno delle sue funzioni, e i nuovi organismi di valutazione sono ancora e tuttora sulla carta,). Il mio predecessore ha dato inizio ad un processo di valutazione portato avanti da esterni, che ah portato ad un’analisi approfondita della docenza, della ricerca e dell’amministrazione. Intendo continuare su questa strada. Sarà necessario riformare la composizione del Nucleo di Valutazione interno, nel contempo occorre migliorare la capacità da parte dei nostri uffici di produrre dati oggettivi, immediati, utili.

Le conseguenze della valutazione dovranno essere visibili. Anche se non sono particolarmente preoccupato per la presenza nel nostro Ateneo di “corsi di laurea bizzarri”, la valutazione precisa e oggettiva darà indicazioni al Senato Accademico su cosa conservare e cosa no. Già a partire dall’offerta formativa 2008-2009 alcuni corsi di laurea sono stati rivisti, alcuni chiusi, altri sono confluiti; la “razionalizzazione” continuerà nel 2009-2010.

Ho insediato una commissione con il compito di rivedere lo Statuto e, di conseguenza, i regolamenti di Ateneo. Le indicazioni sono quelle di analizzare e risolvere le sovrapposizioni, le duplicazioni cercando di rendere l’azione di governo più fluida, prevedibile, trasparente.

Sviluppo di un coordinamento regionale, stimolando la creazione di corsi interateneo, ricercando sinergie a collaborazione. Si potrà mantenere in questo modo un’offerta formativa di elevato livello senza attivare localmente corsi frequentati da pochi studenti ed evitando di assumere nuovi docenti.

Forte azione sull’organizzazione della nostra amministrazione. L’organizzazione interna va rivista, la valutazione dei dirigenti deve essere attuata, dando nel contempo ai dirigenti compiti e responsabilità precise. Far diventare forma mentis di tutti il lavorare a progetto, su parametri misurabili e, quindi, la possibilità di introdurre un sistema di incentivazione

Nel D.L 1/2009 dopo tanti anni, si è rivisto lo stanziamento di somme per l’edilizia destinata agli studenti. Quindi collegi, camere, appartamenti dedicati agli studenti, nell’ottica di favorire il diritto allo studio. Saremo attivi e attenti nel cogliere tutte le occasioni possibili per utilizzare tali fondi. D’altra parte, il nostro Ateneo già da alcuni anni offre agli studenti oltre 300 posti letto, in un edificio preso in affitto, e questo per sopperire all’insufficiente numero di posti letto messo a disposizione dall’Agenzia Regionale per il Diritto allo Studio.

Creazione di un Comitato di Indirizzo dove si discutano i piani di sviluppo e le linee di attività, dell’Ateneo, ma nello stesso tempo si trovi anche il supporto economico per le iniziative condivise. A questo comitato parteciperanno enti privati e pubblici che lavoreranno, con rispetto della nostra autonomia, per l’interesse collettivo. Farò presto questa proposta a enti locali pubblici e privati. Questo organismo dovrebbe facilitare l’adozione di programmi quadro di sviluppo, ovvero di re-indirizzo dell’attività di docenza e ricerca del nostro Ateneo. Ho già sottolineato che, a legislazione inalterata, l’Università di Modena e Reggio Emilia non potrà rimanere attiva e migliorare l’attività di docenza e ricerca, a meno che non si venga a (ri)creare un accordo quadro dove il tessuto sociale e le forze locali decidano di partecipare attivamente alla vita dell’Ateneo. Quindi discutendo, indirizzando, ma anche, finanziando.

Tra le azioni da intraprendere, intendo dare un posto di particolare importanza all’Internazionalizzazione

L’INTERNAZIONALIZZAZIONE

Negli attacchi portati negli ultimi tempi all’Università italiana, si sottolinea come in molte statistiche non siano presenti università italiane a primi posti. A seconda delle statistiche utilizzate, tra le prime 500 Università non ci sarebbero più di 3 – 4 Università italiane. Un’altra recente statistica (topuniversity.com) afferma che tra 40 sistemi universitari analizzati a livello mondiale quello italiano si colloca al settimo posto in Europa e dodicesimo nel mondo. Ancor più significativo è il dato relativo ai laureati più facilmente assunti in prestigiose università: i laureati italiani sono terzi al mondo e primi in Europa, in questa graduatoria, che si riferisce ad un dramma italiano, quello della “fuga dei cervelli”, ma che sottolinea al tempo stesso la qualità del prodotto finale delle università italiane.

Quindi, al fatto di spendere poco per il nostro sistema universitario, al fatto che con questo poco e nonostante le “magagne” dell’Università italiana si riesca a dare una decente preparazione ai nostri studenti, si aggiunge ora il fatto che il sistema Universitario italiano finanzia, a tutti gli effetti, la ricerca e la docenza fuori dall’Italia.

Quindi, il fatto che pochissimi studenti stranieri scelgano l’Italia per l’istruzione terziaria diventa un dato, purtroppo, poco rilevante, di fronte ai problemi istituzionali/strutturali che dobbiamo affrontare.

Per sottolineare l’importanza di questo punto, ho oggi invitato il Pro Rettore Sergio Paba, delegato al’internazionalizzazione ad intervenire in questa apertura dell’Anno Accedemico.

RICERCA

All’Università spetta il compito di produrre innovazione culturale, scientifica e tecnologica, nonchè di essere parte attiva nell’intero ciclo della conoscenza, dalla ricerca fondamentale alla ricerca applicata e finalizzata al trasferimento tecnologico. In Italia la ricerca nei suoi vari aspetti è, nei fatti, portata avanti soprattutto dall’Università, e questo nonostante gli investimenti sia statali che privati non raggiungano il 50% di quanto gli altri Stati europei impegnano per la ricerca.

Nel nostro Ateneo si sono attivati Centri di competenza (aggregazioni di ricercatori con competenze interdisciplinari e comuni obiettivi di ricerca), che hanno fatto emergere peculiarità scientifiche che oggi rappresentano le nostre più forti distintività, le nostre “eccellenze”. In questo modo, l’Ateneo, è diventato il più grande, strutturato e qualificato Polo territoriale della ricerca per capacità e numero di docenti, ricercatori e tecnici (quasi 3000 addetti), per tipologie e qualità di attrezzature, per quantità e qualità di strumentazioni scientifiche, nonché di supporti informatici

La valutazione delle attività e delle strategie di ricerca dei Dipartimenti svolta ormai 2 anni fa da un team di valutatori esterni ha fatto emergere le principali linee di ricerca presenti nel nostro Ateneo, riconoscendo un valore di eccellenza a cinque nostri Dipartimenti. Il Senato Accademico ha conferito a questi dipartimenti posizioni di ricercatore e tecnico, applicando per la prima volta quei criteri di premialità prima enunciati.

Nel corso del 2008, è stato inaugurato il Centro di medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” per la produzione di cornee e pelle da cellule staminali adulte. Un edificio ad altissima tecnologia impiantistica di 3000 mq, interamente finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, che ringrazio pubblicamente per l’attenzione con la quale asseconda nostre iniziative. Il Centro ha attirato investimenti da parte di privati dando origine a spin off industriali.

La ricerca applicata è coinvolta in un progetto sostenuto dalla RER, che la vede in prima linea collaborare con il tessuto industriale – economico delle due province. Ritengo di particolare importanza questa interazione. A tal fine sono stati attivati da alcuni anni centri che facilitano l’incontro delle esigenze dell’industria e le risposte che la ricerca applicata può dare. Il sistema, costituito da ILO, Democenter e REI, deve essere comunque rivisto, per conferire più incisività e penetrazione nel territorio. Importanza particolare avrà quell’area di incontro tra Università e Impresa, definita “spin off”.

Occorre che anche l’Industria Modenese e Reggiana ritrovi il gusto di investire e rischiare insieme all’Università. Gli spin off possono divenire i centri propulsori della ricerca e della innovazione nelle due province, ma anche della nostra occupazione.

Terminata la laudatio della ricerca applicata, ribadisco, comunque, l’importanza che l’Università ha nello sviluppare la ricerca di base. La ricerca applicata è il prosieguo della ricerca di base. La rinuncia da parte dell’Università e/o dello Stato nel supportare la ricerca di base, tempo una decina di anni, non farà altro che peggiorare il nostro debito verso gli altri Paesi, con conseguenze incalcolabili.
La nostra struttura scientifica ancora efficace e attiva si evidenzia in numerose e strette collaborazioni e scambi di ricercatori con qualificate Università e Centri di ricerca nazionali ed internazionali, nonché nelle rilevanti risorse finanziarie che i nostri ricercatori acquisiscono dalla partecipazione ai bandi di ricerca nazionali ed Europei

L’interazione tra città e Università e l’avvicinamento dei giovani al mondo della ricerca avviene anche
attraverso il tentativo, non del tutto riuscito, di tenere aperto alla cittadinanza con continuità il nostro straordinario patrimonio museale. Ricordo che nel 2008 sono ricorsi i 250 anni della nascita dell’Orto Botanico, voluto dal duca Francesco III d’Este, che decise di destinare una parte del giardino ducale alla coltivazione e alla ostensione dei “semplici” (tra i quali le piante medicinali). Grazie al generoso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi, presto inizieremo i lavori di restauro del complesso.


FUND RAISING

Tenendo conto della legge finanziaria che in un piano triennale prevede tagli di oltre il 20% per l’Università italiana, ma soprattutto tenendo conto che l’Università deve rispondere in modo positivo alle richieste del territorio, adattando il proprio “prodotto” a quanto sia effettivamente richiesto dal mercato, possiamo e dobbiamo immaginare un coinvolgimento diretto ed importante del territorio nella gestione e nel supporto economico delle attività universitarie. Se da una parte gli enti pubblici e privati devono partecipare attivamente alla programmazione e alla valutazione del sistema universitario, (vedi la proposta di costituire un comitato di indirizzo), dall’altra, sono convinto, devono divenire co-responsabili nella gestione e nel funzionamento del sistema universitario.

STUDENTI

Concludo questa mia relazione come l’ho aperta, con il pensiero ed alcune considerazioni dedicate agli studenti, i giovani senso e essenza della nostra attività.

Con l’affermarsi ed il riconoscimento a livello nazionale di corsi di elevata qualità, penso in particolar modo al secondo e al terzo livello, la mobilità per un buon studente torna ad essere una necessità. Ritengo ciò estremamente positivo, l’eccellenza e la motivazione vengono finalmente riabilitate come importanti componenti della scelta dell’Università. Ma, le spese che lo studente viene chiamato ad affrontare sono spesso insostenibili. In un’Università che vuole formare i migliori studenti, tale fatto non è (non dovrebbe essere) ammissibile. Il valore del diritto allo studio, valore riconosciuto dalla nostra Costituzione, è essenziale ed irrinunciabile. Nella azioni che questo Ateneo svolgerà, verrà sempre data particolare importanza alla selezione e al riconoscimento del migliore, ricercando forme attive di intervento per far sì che chiunque meriti, possa completare il ciclo di studi scelto.

In effetti il “merito” da anni non è stato al centro dell’attenzione, in una applicazione di quel che io vedo come un “falso egalitarismo”. Su questa base si sono sviluppati in questo Paese atteggiamenti difficilmente comprensibili ed, ora, difficilmente sradicabili. Uno di questi è senza dubbio il “fuori corso”. Non conosco casi di altri paesi che ammettano il fuori corso (se non per casi specifici). Il dilazionare, il dare sempre e comunque non solo una seconda chance, ma poi una terza e una quarta ecc. è profondamente diseducativo. Nel nostro Ateneo, già numerosi corsi di Laurea raggiungono e superano il 90% degli studenti laureati in corso, segno di serietà e impegno, non certo di lassismo o facilitazione.

IL TERZO LIVELLO

Una particolare attenzione va data alla riforma del dottorato di ricerca con la formazione di Scuole, che rilasciano titoli spendibili a livello nazionale ed internazionale. Intendiamo dare presto inizio ad una istituto superiore di alta formazione, dove si troveranno riuniti tutti i corsi di dottorato. Occorre aumentare il numero dei dottorandi, attualmente circa 200, (poco più dell’1% della popolazione studentesca), a tal fine occorre cercare e stimolare finanziamenti suppletivi, coinvolgendo nei piani di ricerca enti pubblici e, soprattutto, privati, definendo assieme alle imprese dottorati in alto apprendistato.

Per fare un esempio di come i nostri giovani siano formati vi elenco il lavoro attualmente svolto da 7 studenti che si sono dottorati tra il 2002 ed il 2007 con il prof. Stefano Ossicini come supervisore:

• Dr.ssa Eleonora Luppi, Laurea in Fisica 2002, Università di Modena e Reggio Emilia
• PhD in Fisica 2006, Università di Modena e Reggio Emilia
• Ricercatrice PostDoc dal 2006 presso Ecole Polytechnique – CNRS – Paris, France

• Dr. Federico Iori, laurea in Fisica 2004 Università di Modena e Reggio Emilia
• PhD in Fisica 2008 Università di Modena e Reggio Emilia
• Ricercatore PostDoc dal 2008 presso Laboratoire des Solides Irradiè, CNRS Paliseau, France

• Dr.ssa Letizia Chiodo, laurea in Fisica 2002 Università di Roma e Università di Modena e Reggio Emilia
• PhD in Fisica 2006 Università di Roma Tor Vergata
• Ricercatrice PostDoc dal 2008 presso Nano-Bio Spectroscopy Group, Universidad del Pais Vasco, San Sebastian, Spagna

• Dr. Marcello Luppi, Laurea in Fisica 1999, Università di Modena e Reggio Emilia
• PhD in Fisica 2003, Università di Modena e Reggio Emilia
• Assegnista PostDoc dal 2005 presso Afd. Theoretische Chemie, Faculteit Exacte Wetenschappen, Vrije Universiteit Amsterdam, The Netherlands

• Dr. Fabio Trani, Laurea in Fisica 2001, Università di Napoli
• PhD in Fisica 2005
• Assegnista PostDoc dal 2008 presso Laboratoire de physique de la matiere condensee et nanostructures, Universitè de Lyon, France

• Dr. Matteo Gatti, laurea in Fisica 2003 Università di MILANO
• PhD in Fisica 2007 Ecole Polytechnique – CNRS – Paris, France
• Ricercatore PostDoc dal 2008 presso Nano-Bio Spectroscopy Group, Universidad del Pais Vasco, San Sebastian, Spagna

• Prof. Luca Dal Negro, laurea in Fisica 1999 Università di Trento
• PhD in Fisica 2003
• Assistant Professor dal 2006 al Department of Electrical and Computer Engineering, Boston University, USA.


Chiudo questa mio primo discorso d’apertura dell’Anno Accademico 2008-2009 ricordando un vecchio detto:
When The Going Gets Tough, The Tough Keep Going

Al di là di quanto ci aspetterà nelle prossime finanziarie, al di là della gravissima crisi finanziaria ed economica che stiamo fronteggiando, chiamo tutti all’impegno massimo per riuscire a dare qualità e competenze ai nostri giovani e per contribuire allo sviluppo del nostro Paese e del nostro territorio.

Con questo impegno da parte nostra dichiaro ufficialmente aperto l’833esimo Anno Accademico dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.


MODENA, 27 FEBBRAIO 2009

Aldo Tomasi

Continua a leggere...

sabato 28 febbraio 2009



INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO....

Ieri mattina, si è tenuta, presso il Forum Marco Biagi, l'inaugurazione dell'anno accademico dell'Ateneo di Modena e Reggio Emilia.
All'esterno erano presenti tre delegazioni, una di lettereinmovimento, una di unimonda e una di sinistra studentesca...beh non ci crederete....
Non avevamo fatto in tempo ad arrivare che un gruppetto di poliziotti ci ha simpaticamente chiesto "favorisca documento"..."un normale controllo"... dopodichè hanno fotografato i nostri documenti e le nostre belle faccie, quando abbiamo chiesto il perché subito è arrivata una loquace e esaustiva risposta "è per l'ordine pubblico...in fondo vogliamo tutti la stessa cosa...l'ordine" hanno anche aggiunto "non è una novità...gli stupratori di roma li abbiamo presi grazie un controllo..."
GLI STUPRATORI DI ROMA?!?
ci è sembrato un chiaro segno dei tempi, con noi non avevamo ancora né volantini né niente, eppure siamo stati lo stesso schedati...
Dopo poco sono arrivati i volantini e a quel punto abbiamo volantinato tutta la giornata, verso l'1 e mezza il Magnifico ci ha degnati di attenzione e ci ha detto, immagino per rassicurarci, che forse nel 2011 l'ATENEO CHIUDERA'
Beh insomma che dire..proprio una bella giornata!

Continua a leggere...

lunedì 23 febbraio 2009


Università, Napolitano al governo


"Spero stop a tagli indiscriminati"


PERUGIA - Le università italiane necessitano di "valutazioni e interventi pubblici puntuali" ed è necessario rivedere alcuni tagli che, sebbene dettati da motivi di bilancio, sono risultati "indiscriminati". Un appello critico quello giunto dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in un discorso all'Università di Perugia, nel quale invoca maggiori risorso e più attenzione per gli atenei. Il presidente ha chiesto anche che nei bilanci si metta fine alle "generalizzazioni liquidatorie", guardando i singoli atenei in base ai risultati e ai problemi della ricerca "con coraggio" e considerando ciò che accade in Europa e nel Mondo in questo settore e che "può suggerire" delle soluzioni.

fonte

www.repubblica.it

Continua a leggere...

sabato 10 gennaio 2009

Sale l'indignazione contro Israele! Il mondo manifesta per la Palestina!

Da Infoaut.org

Mentre i morti sfiorano ormai il migliaio, la carneficina di bambini prosegue, e Tsahal annuncia la "terza fase" dell'offensiva, milioni di persone si riversano in cortei e dimostrazioni contro l'offensiva israeliana a Gaza, in molti paesi del mondo. A Ramallah, in Cisgiordania, a Londra e Parigi, dove erano, rispettivamente, in 40mila e 50mila, in Libano, in Mauritania, fino a Washington, negli U.s.a. Ma anche a Barcellona e in tutta la Spagna, in Turchia, in moltissime città africane, ad Atene, in Svizzera, nei Paesi scandinavi, nelle isole di Malta e Cipro. 80 manifestazioni territoriali in tutta la Francia. Oggi, il movimento contro la guerra si è ripreso la scena a livello internazionale.

Presidii e mobilitazioni si sono susseguiti in diverse città italiane (circa una ventina, compresa Modena) per sostenere la resistenza di Gaza e fermare "la guerra di distruzione del popolo palestinese", in vista della grande manifestazione nazionale che si terrà a Roma il 17 gennaio prossimo.

7000 persone hanno manifestato a Milano. Durante il percorso, alcuni ragazzi sono stati trasportati a braccia come fossero «martiri» palestinesi. Numerose le bandiere di Hamas ed Hezbollah; sul carro in testa al corteo sono apparsi due piccoli fantocci fatti con lenzuola insanguinate, per rappresentare la morte dei bambini nella guerra a Gaza. Manifestanti hanno intonato slogan come: «Israele terrorista», «Gaza libera, Intifada vincerà!». Tra le migliaia di manifestanti, folte rappresentanze dei centri sociali e dell'estrema sinistra, presenti anche alcuni esponenti delle comunità islamiche di viale Jenner e via Padova. Quando il corteo ha svoltato da corso Buenos Aires in via Vitruvio ci sono stati fischi rivolti alla Polizia che bloccava corso Buenos Aires. Al termine del corteo, circa 3000 cittadini islamici si sono radunati in piazza Duca d'Aosta, davanti alla Stazione Centrale, per pregare rivolti verso la Mecca.

Più di 6000 persone hanno sfilato, invece, durante tutto il pomeriggio nelle vie del centro di Torino. Il corteo, partito alle 15 dal quartiere di Porta Palazzo, caratterizzato da una forte componente migrante, ha marciato dietro lo striscione "Boicotta Israele, sostieni la Palestina!". Numerosissimi i giovani che hanno portato solidarietà ai "fratelli palestinesi", come più volte si è urlato dall'impianto di amplificazione, con cori contro Israele, Bush e Olmert, ma anche contro i presidenti arabi moderati, in particolare Mubarak, definito "assassino" perchè non ha voluto aprire le frontiere egiziane. Bruciate bandiere israeliane ed un carro armato di cartone in Piazza Castello e, infine, issata una bandiera palestinese presso la sede della Regione Piemonte. Altre manifestazioni numerose e rumorose sono state quelle di Bologna, Napoli e Firenze (5000 persone, con le bandiere palestinesi a circondare il Duomo). E, domattina, "Catena umana per la pace" a Roma e Venezia!

Continua a leggere...

giovedì 8 gennaio 2009

Il Dl 180/08 è Legge dello Stato. Rilanciamo la protesta!

Da Repubblica.it

Il decreto-Gelmini (180/08) sull'Università è legge. Il provvedimento è stato appena approvato, con la fiducia posta dal Governo lo scorso 5 gennaio, dalla Camera dei deputati. Il testo è quello uscito dal Senato lo scorso 28 novembre. La lunga procedura del voto per appello nominale e finale è iniziata ieri pomeriggio (7 gennaio) e, dopo la discussione degli ordini del giorno, si è conclusa oggi. In futuro, secondo gli intendimenti del ministro dell'Università e della Ricerca, Mariastella Gelmini, nelle università italiane si ridurranno gli sprechi, i concorsi saranno più trasparenti, i prof "perditempo" avranno vita difficile e gli studenti meritevoli saranno valorizzati. Ma sull'efficacia del provvedimento l'opposizione nutre parecchi dubbi.

La legge-Gelmini introduce una serie di novità.

Atenei virtuosi e non.

Solo gli atenei con i conti a posto potranno assumere nuovo personale. La norma vuole porre "un freno alle gestioni finanziarie non adeguate". Da oggi le università italiane che spendono più del 90 per cento del Fondo di finanziamento ordinario (Ffo) in stipendi non potranno bandire concorsi per docenti, ricercatori o personale amministrativo. Secondo il recente rapporto del Comitato nazionale di valutazione del sistema universitario statale (Cnvsu), su dati del 2007, sono 26 su 58 gli atenei italiani che hanno un rapporto lordo fra assegni fissi e Ffo superiore al 90 per cento. E ancora: gli atenei virtuosi riceveranno più finanziamenti. Il 7 per cento del Ffo (circa 500 milioni di euro) e del Fondo straordinario della Finanziaria 2009 andranno nelle casse degli atenei "con offerta formativa, qualità della ricerca scientifica, qualità, efficacia ed efficienza delle sedi didattiche migliori".

"Per la prima volta - dichiara il ministro Gelmini - in Italia si distribuiscono soldi alle università in base a standard di qualità". La lista dei "buoni" sarà compilata a breve in base ai parametri individuati dal Civr (Comitato di indirizzo per la valutazione della ricerca) e dal Cnvsu. Mentre i rettori, in sede di approvazione del bilancio, dovranno pubblicare una "relazione concernente i risultati delle attività di ricerca, di formazione e di trasferimento tecnologico nonché i finanziamenti ottenuti da soggetti pubblici e privati".

Trasparenza dei concorsi.

Nella composizione delle commissioni giudicatrici prevarrà il sorteggio. Quelle che giudicheranno gli aspiranti professori universitari di prima e seconda fascia (ordinari e associati) saranno formate da 5 componenti: 4 sorteggiati da un elenco di commissari eletti a loro volta da una lista nazionale di ordinari del settore scientifico-disciplinare oggetto del bando e da 1 professore ordinario nominato dalla facoltà che ha richiesto il bando. Sistema analogo per i ricercatori: tre professori, di cui due sorteggiati e uno nominato dall'ateneo che bandisce la selezione.

Norme anti-fannulloni.

A partire dal 2009 verrà costituita l'Anagrafe nazionale dei professori e ricercatori universitari che riporta per ogni soggetto l'elenco delle pubblicazioni scientifiche prodotte. A partire dal 2011, coloro che nel biennio precedente non avranno effettuato pubblicazioni scientifiche saranno esclusi dall'elenco dei professori che potranno fare parte delle commissioni giudicatrici dei concorsi. E, inoltre, si ritroveranno gli scatti stipendiali dimezzati.

Turn over e ricercatori.

Il blocco al 20 per cento del "turn over" stabilito dalla Finanziaria 2009 prevede una deroga. Gli atenei virtuosi potranno coprire fino a metà dei posti liberatisi per effetto dei pensionamenti a patto di destinare il 60 per cento dei nuovi ingressi ai ricercatori. I concorsi per ricercatore già banditi al momento dell'entrata in vigore della Finanziaria sono esclusi dal "turn over" così come gli Enti di ricerca. Il Ministero fa sapere che le tre iniziative permetteranno a breve di assumere 4 mila nuovi ricercatori.

Valorizzazione degli studenti meritevoli.

Secondo i calcoli del Ministero, oggi, sono 140 mila gli studenti che fruiscono di una borsa di studio e dell'esonero dalle tasse universitarie. Ma gli aventi diritto sono almeno 180 mila. Per questa ragione, il Governo ha stanziato altri 135 milioni che dovrebbero bastare a premiare tutti "i ragazzi capaci e meritevoli". Altri 65 milioni di euro saranno finalizzati alla realizzazione di ulteriori 1.700 posti nelle residenze universitarie.

Non possiamo che ribadire la nostra contrarietà (aggravata dal vergognoso e sistematico ricorso al metodo della fiducia da parte dal Governo), già dettagliata nel merito in passato, verso questo provvedimento legislativo, offrendo due ulteriori contributi di riflessione e d'analisi, provenienti dalla Flc-Cgil e dal "Sole 24 Ore":

http://www.flcgil.it/notizie/news/2009/gennaio/approvato_dalla_camera_il_decreto_legge_180_08

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Norme%20e%20Tributi/2009/01/decreto-universita-abc.shtml?uuid=eb98c6d4-dca1-11dd-ada3-87835913bc64&DocRulesView=Libero

LettereInMovimento

Continua a leggere...

mercoledì 7 gennaio 2009

Mobilitazioni per Gaza e per il popolo palestinese. La nostra posizione!

Come LettereInMovimento riguardo al perdurare della tragica situazione di Gaza, e coerentemente al primo comunicato emesso sulla questione rispetto al nostro appoggio circa le manifestazioni di dissenso, locali e nazionali, verso la criminale aggressione israeliana, aderiamo all'appello ("Dobbiamo fare la nostra scelta. Complici della guerra o costruttori di pace?") lanciato ieri dalla "Tavola della Pace" (che trovate in versione integrale nella colonna di destra del nostro blog, sezione "Carte importanti"), firmato da una buona parte dell'arcipelago pacifista italiano (compresi Arci, Cgil e Prc), raccogliente in pochissime ore già tantissimi sostegni e richiamante un appuntamento di confronto e mobilitazione per il 17 gennaio, ore 10.00, ad Assisi, condividendone i contenuti. Allo stesso tempo, come anche in altre occasioni abbiamo fatto, non manchiamo di fare una critica ai movimenti, alle associazioni, ai sindacati, ai collettivi, giacchè, sempre per il 17 gennaio, un coacervo di soggettività più radicali (coloro che hanno dato vita alle spontanee mobilitazioni territoriali del 29 dicembre, compresa quella di Modena organizzata dal C.ollettivo A.utonomo M.odenese, ed alle coordinate iniziative di protesta, sparse in tutta Italia, del 3 gennaio), riunito sotto la spinta propulsiva del "Forum Palestina", ha lanciato l'idea di inscenare una manifestazione nazionale di appoggio alla Palestina, a Roma, tramite una distinta piattaforma (troverete anch'essa fra le "Carte importanti", "Dalla parte dei palestinesi!"). Essa, a differenza dell'appello pacifista, augurandosi la pace come noi tutte e tutti, sostiene anche il diritto alla resistenza del popolo palestinese, ponendosi su di un piano certamente più antagonista, ma lo stesso condivisibile, per quanto ci riguarda.

La nostra speranza, rallegrandoci del fatto che, in ogni caso, qualcosa sta cominciando a muoversi strutturalmente (dopo i vagiti beneauguranti del 29 e 3 gennaio, con quindici piazze "di lotta" in tutta Italia) e la gente ad indignarsi sinceramente (delle 700 vittime palestinesi dall'inizio del conflitto un terzo sono al di sotto dei 16 anni, ndr), è quella che si riesca a costruire una piattaforma ampia, partecipata e condivisa, la quale porti, in brevissimi tempi, alla convocazione di una manifestazione unitaria del movimento contro la guerra, da troppo tempo assente dalle scene anche a causa della sua deleteria frammentazione!

LettereInMovimento

Continua a leggere...

Alemanno: "300 criminali alla Sapienza". Fiducia alla Camera sul Dl 180/08. L'Onda torna in piazza a Roma! "Criminale è chi distrugge!"

Gli studenti dell'Onda sono tornati a farsi sentire contro le politiche per l'Università e la Scuola del Governo Berlusconi. Lo hanno fatto davanti alla Camera dei deputati mentre in aula si votava la fiducia al Decreto Gelmini (180/08).

Imbavagliati gli studenti hanno agitato uno striscione: "Criminale è chi distrugge!" in risposta al sindaco Alemanno che, nei giorni scorsi, aveva detto: "La Sapienza è ostaggio di 300 piccoli criminali".

"Alemanno e Frati forse si sentono come l'imperatore Serse - hanno gridato gli studenti - quando nella guerra per conquistare la Grecia hanno trovato 300 spartani ad affrontarli. Noi siamo orgogliosi di essere ben oltre 300".

Tra fumogeni accesi e cori "Noi la crisi non la paghiamo", i ragazzi hanno spiegato le ragioni della protesta. "Ancora una volta - ha detto Stefano Zarlenga, uno dei leader del movimento - stanno alzando un polverone sulla Sapienza per nascondere il loro vero obiettivo, ovvero quello di smantellare il sapere pubblico". E ancora: "Frati sta con il Governo - ha continuato Zarlenga - non si è opposto alle frasi di Alemanno che ha attaccato in modo forte un movimento che ha portato in piazza migliaia di persone. Il sindaco, invece di fare dichiarazioni da Cortina che non c'entrano nulla, dovrebbe fare più attenzione a gestire la sicurezza in questa città".

Quanto all'invito rivolto dal Rettore Frati a Papa Benedetto XVI perchè faccia visita all'ateneo, Zarlenga ha detto: "Magari venisse, siamo pronti ad accoglierlo ma non vogliamo nessuna passerella, pretendiamo un confronto". Dopo la breve dimostrazione in piazza, durata circa 30 minuti, in gruppo come erano arrivati, i ragazzi se ne sono andati al grido: "La gente come noi non molla mai!"

I ragazzi hanno anche stampato alcuni volantini da distribuire ai passanti in via del Corso e alla galleria Colonna per spiegare le ragioni della protesta prima di fare ritorno alla Sapienza.

"Abbiamo convocato il sit-in appena abbiamo saputo che il Governo avrebbe posto la fiducia sul decreto Gelmini - aveva spiegato prima dela protesta Francesco Brancaccio, uno dei leader dell'Onda - La prossima settimana - continua - ci sarà una assemblea alla Sapienza per decidere come riorganizzare la protesta che andrà avanti".

Il dibattito sarà più ampio di questo sit-in, spiegano gli studenti, e sarà allargato ai temi "del lavoro, della precarietà, della casa. Tutti terreni - aggiunge Brancaccio - su cui ci batteremo molto". Gli studenti pensano a "campagne informative", ma anche ad "azioni di protesta per l'accesso libero alla cultura".


Repubblica.it

Continua a leggere...